Bonus bici: a chi spetta e come richiederlo

Nel Decreto Rilancio (DL n. 34/2020) è previsto anche un incentivo per la mobilità sostenibile: un bonus per l’acquisto di biciclette (anche a pedalata assistita), monopattini elettrici, hoverboard e segway, oltre che servizi di sharing mobility. Vale per l’acquisto del nuovo e non dell’usato, si applica anche retroattivamente ad acquisti effettuati a partire dal 4 maggio 2020 (il day one della “Fase 2”).

Si parla di contributo fino a 500 euro che potrà coprire fino al 60% della spesa sostenuta per l’acquisto del mezzo.

A CHI SPETTA?

Il bonus spetta ai cittadini maggiorenni residenti nelle Città metropolitane (e area metropolitana associata) o comuni con popolazione superiore a 50.000 abitanti. La Regione Emilia-Romagna ha esteso il bonus anche ai comuni firmatari del Piano Integrato Dell’Aria (PAIR), ovvero:

COME SI FA DOMANDA?

Per richiedere il bonus bici è necessario avere sotto mano il documento giustificativo della spesa (ovvero la fattura) ed essere in possesso dell’identità digitale SPID. A questo punto, non appena sarà disponibile, fare domanda sulla piattaforma web che sarà predisposta dal Ministero.

In alternativa, invece che chiedere il rimborso, sarà possibile usufruire del bonus mediante buono spesa digitale che i beneficiari potranno generare sulla medesima piattaforma, specificando cosa si andrà ad acquistare e presentandolo poi in negozio.

BONUS BICI PIEGHEVOLI

La Regione ha inoltre previsto un contributo fino a 300 euro e pari al 50% del costo di acquisto di una bicicletta pieghevole riservato agli abbonati ferroviari residenti nei comuni dell’Emilia Romagna che non possono beneficiare di altri contributi statali o regionali.

Le agevolazioni relative al bonus bici saranno in vigore fino al 31 dicembre 2020.

Se hai dubbi e vuoi verificare se il bonus ti spetta o meno, vuoi segnalarci casi particolari o farci sapere che ne pensi di questa misura, scrivici tramite il modulo di contatto qui sotto:


    Realizzato nell’ambito del Programma generale di intervento della Regione Emilia-Romagna con l’utilizzo dei fondi del Ministero dello sviluppo economico. Ripartizione 2018