Telefonia, che caos! Disdette non recepite, traslochi lentissimi, contratti non richiesti

Telefonia, che caos! Disdette non recepite, traslochi lentissimi, contratti non richiesti

Passano gli anni ma la musica non cambia: le compagnie telefoniche restano la principale fonte di grattacapi per consumatori e utenti.

Si va dalle disdette non recepite – per le quali pur se si recede, continuano ad arrivare le fatture – fino ai contratti non richiesti, magari facendo leva sulle tante modifiche unilaterali delle condizioni per “convincere” l’utente a cambiare compagnia.

Quando si fa disdetta c’è inoltre da prestare particolare attenzione ad eventuali numerazioni accessorie: se non specificate rischiano di diventare “segretamente” sim non volute che ci tengono legati alla compagnia.

Altri disagi? I traslochi delle linee hanno tempi biblici di esecuzione e vengono spesso anch’essi sfruttati per propinarci nuovi contratti. L’altrettanto lentissima gestione dei reclami spesso non vede riconosciuti, come invece dovrebbe, gli indennizzi automatici previsti dall’Autorità.

Come fare per risolvere? È ben noto che, purtroppo, agire contattando telefonicamente il servizio clienti, tra attese infinite e operatori sempre diversi che si rimbalzano la palla, è praticamente impossibile. Ed è qui che entriamo in gioco noi. Con Adiconsum, oltre al supporto per i reclami, puoi accedere alla procedura di conciliazione paritetica: un esperto dell’associazione consumatori ti rappresenterà in un incontro con l’incaricato di controparte, per risolvere la tua problematica. Le conciliazioni paritetiche con le compagnie telefoniche che si concludono con esito positivo – o comunque ritenuto soddisfacente dal consumatore – sono più del 90% di quelle presentate.

Se hai un problema con le compagnie telefoniche puoi prendere appuntamento con le nostre sedi territoriali, oppure scrivere allo sportello online, anche utilizzando il modulo di contatto qui sotto:


    [Immagine: Sfondo vettore creata da pch.vector – it.freepik.com]