Voucher viaggi: Antitrust e Commissione Europea dicono di no

Voucher viaggi: Antitrust e Commissione Europea dicono di no

Importanti novità lato turismo e viaggi, uno dei settori più colpiti dall’emergenza sanitaria da Covid-19 ma anche quello per cui, ingiustamente, i Governi hanno domandato ai consumatori di “sovvenzionare” al posto loro.

Pare finalmente volgere al termine il tempo dei Decreti Cura Italia (e omologhi di altri Paesi europei) e dei voucher in sostituzione dei rimborsi senza la necessità di un’apposita accettazione da parte del consumatore: prima la Commissione Europea, poi l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato hanno bocciato queste previsioni normative, dando sostanzialmente ragione alla tesi da tempo sostenuta da Adiconsum.

Con la Raccomandazione del 13 maggio 2020, la Commissione Europea ha statuito che gli operatori possono certamente offrire il voucher in sostituzione del rimborso, ma a condizione che questo non comporti la privazione del diritto dei viaggiatori di ricevere il denaro. Per l’esecutivo europeo i buoni dovrebbero inoltre avere precise caratteristiche per essere una valida alternativa al rimborso, in particolare una copertura assicurativa per il possibile fallimento del tour operator o del vettore, nonché il diritto alla conversione in rimborso in denaro se non si è usufruito del voucher alla sua scadenza.

A sua volta l’Antitrust ha pubblicato una segnalazione, nei confronti di Parlamento e Governo, con la quale boccia l’articolo 88 bis della legge di conversione del Decreto Cura Italia, contenente appunto la previsione dei “voucher obbligatori”. Questa norma, dunque, ha ormai le ore contate. L’Autorità garante ha ribadito che quanto disposto dal Decreto si pone in contrasto con la normativa europea e l’invito a rendere i voucher “più appetibili” prevedendo assicurazione, possibilità di cessione a parenti e amici e rimborso in caso di non utilizzo.

Come Adiconsum Emilia Romagna siamo ora pronti a schierarci al vostro fianco per le richieste di rimborso. Se anche tu hai avuto problemi, scrivici tramite il modulo di contatto qui sotto:


Realizzato nell’ambito del Programma generale di intervento della Regione Emilia-Romagna con l’utilizzo dei fondi del Ministero dello sviluppo economico. Ripartizione 2018