Fallimento Monarch Airlines: come richiedere il rimborso per i voli cancellati

Fallimento Monarch Airlines: come richiedere il rimborso per i voli cancellati

Nella notte tra l’1 e il 2 ottobre, l’Ente dell’aviazione civile inglese ha annunciato il fallimento della compagnia aerea inglese Monarch Airlines. Ciò ha portato alla cancellazione di ben 860 mila prenotazioni e ha lasciato a terra 110 mila persone.

In caso di fallimento di una compagnia aerea, per cercare di ottenere il rimborso, occorre presentare domanda di insinuazione al passivo indirizzata al Curatore Fallimentare nominato dal giudice, e sperare che rimangano risorse sufficienti per soddisfare le richieste dei passeggeri, che essendo creditori “chirografari”, senza possesso di reali “diritti”, ma solo di documenti per la fornitura di un bene/servizio non prestata, sono gli ultimi nella lista dei creditori.

Tra tutti i consumatori creditori, vi è solo una parte di questi che può chiedere il rimborso, ovvero chi ha pagato il biglietto con PayPal, perché di solito a fronte di un servizio non erogato l’emittente rimborsa, o chi ha pagato con carta di credito, ad eccezione di quella ricaricabile, rivolgendosi alla propria banca, chiedendo di attivare la procedura di charge back, ossia lo storno della transazione.

Gli altri creditori che saranno rimborsati direttamente dal Tour operator sono coloro che hanno acquistato un pacchetto turistico comprensivo del volo della Monarch. Ciò perchè vi il Regolamento europeo e il Fondo di garanzia istituito dal governo del Regno Unito, che rilascia ai passeggeri il certificato ATOL (Air Travel Organiser’s License), e che, quindi, prevede una specifica copertura.

(C.V.)

Realizzato nell’ambito del Programma generale di intervento della Regione Emilia Romagna con l’utilizzo dei fondi del Ministero dello sviluppo economico. Ripartizione 2015

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *