Enac scrive a Ryanair: non rispetta le norme anti-Covid

Enac scrive a Ryanair: non rispetta le norme anti-Covid

L’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile ha reso noto di aver scritto a Ryanair avvertendo che, dovessero permanere le accertate violazioni alle norme sanitarie anti-Covid , valuterà la sospensione dei voli della compagnia aerea da e per l’Italia.

L’Enac ha in particolare accertato che Ryanair “sistematicamente non si attiene alle disposizione previste in Italia per limitare il rischio sanitario derivante dal coronavirus a bordo degli aeromobili”, non osservando nè l’obbligo del distanziamento tra i passeggeri, nè “le condizioni che consentono la deroga a tale distanziamento”.

La compagnia irlandese è stata dunque informata che, dovessero perdurare le suddette violazioni, verrà disposta come prima misura nei suoi confronti l’esclusione della “possibilità di derogare all’obbligo di distanziamento, con la conseguenza che il riempimento degli aeromobili sarebbe consentito solo fino al 50% della capacità”.

Venisse inoltre accertata una ulteriore inosservanza degli obblighi previsti dalle norme disposte dal Governo italiano a protezione della salute dei passeggeri, ENAC applicherà l’art.802 del Codice della navigazione (divieto di partenza), con sospensione dell’attività di Ryanair negli scali nazionali e obbligo a suo carico di riprotezione di tutti i passeggeri già in possesso di un titolo di viaggio.

Realizzato nell’ambito del Programma generale di intervento della Regione Emilia-Romagna con l’utilizzo dei fondi del Ministero dello sviluppo economico. Ripartizione 2018