Partono da Riccione le scuole d’iniziativa civica di Adiconsum Emilia Romagna

Partono da Riccione le scuole d’iniziativa civica di Adiconsum Emilia Romagna

Saranno 25 fra operatori e volontari delle strutture territoriali a prendere parte alla “scuola civica regionale” di Adiconsum Emilia Romagna, dal 5 al 7 marzo presso l’Hotel Mediterraneo di Riccione. Si tratta del primo appuntamento della proposta dell’Associazione consumatori promossa dalla CISL nell’ambito del progetto “Formiamo consumAUTORI del futuro”, che ha l’obiettivo di promuovere l’attivazione sociale di persone solitamente non propense a mettersi in gioco per la comunità in cui vivono, che non vogliono o non si sentono chiamati a contribuire con le loro capacità al benessere diffuso. «Riteniamo che paure, diffidenza e chiusura possono essere combattute a colpi di partecipazione e coinvolgimento, di amicizia e di condivisione nella risoluzione di problemi sentiti comuni» – spiega Luca Braggion, presidente di Adiconsum Regionale Emilia Romagna – «Vogliamo che da ognuna delle nostre scuole civiche nascano iniziative volontarie di cittadinanza attiva, di cura del territorio, in grado di approfondire tematiche particolarmente sentite dalla cittadinanza e di portare proposte di miglioramento agli stakeholder interessati». Il cuore del progetto di Adiconsum risiede infatti in un percorso di costituzione di classi di attivati-attivatori, che avendo studiato e fatto esperienza sul campo possono meglio rivolgersi ai propri vicini o concittadini, suscitandone l’azione comune. Un “esperimento sociale” che parte proprio dalle tre giornate di Riccione, con i futuri formatori a mettersi in gioco in prima persona. In questa e nelle altre 9 classi che coinvolgeranno tutti i territori della Regione si parlerà di energia, trasporto ferroviario, risparmio e credito al consumo, rifiuti e tari, telecomunicazioni, turismo e trasporto aereo.