Risparmio energetico: le best practice in breve

Risparmio energetico: le best practice in breve

Ogni giorno, da quando ci svegliamo a quando andiamo a dormire, compiamo centinaia di azioni e, ognuna di queste ha, direttamente o meno un impatto ambientale. È ovvio che, al fine di salvaguardare l’ambiente in cui viviamo, bisogna assumere un comportamento che attenui i consumi e, quindi, volto al risparmio energetico.

Rientrano nell’attività che garantiscono un risparmio energetico tutte le tecniche atte a ridurre i consumi dell’enenrgia necessaria allo svolgimento delle attività umane. Ciò può essere ottenuto modificando i processi energetici, o trasformando l’energia da una forma all’altra in modo più efficiente.

Il D. Lgs. 192/2005, con cui l’Italia ha recepito la direttiva 2002/91/Ce, aveva stabilito una serie di misure dirette a ridurre il consumo di energia degli edifici presenti in Italia, introducendo la certificazione energetica degli edifici. Per esempio, per quanto riguarda il riscaldamento degli edifici, al fine di poter risparmiare, si fa uso di valvole termostatiche, di cronotermostati, si installano caldaie a condensazione e si migliora l’isolamento termico. Si ha risparmio di energia anche quando vengono utilizzati sistemi di coogenerazione, ossia tecnologie atte ad ottenere energia elettrica e calore.

L’obiettivo è quello di consumare meno energia ed impiegarla al meglio, ad esempio in determinate fasce orarie e sfruttandola al massimo. Ad esempio, lasciare le spie accese dello stand-by degli elettrodomestici costa circa 72 euro l’anno (Fonte: Selectra, realtà che gestisce il sito Luce-Gas). Bisognerebbe, così, seguire dei consigli ecologici per la casa e per una mobilità sostenibile.

Alcuni di questi sono: l’acquisto di prodotti a maggior efficienza energetica, uso di lampade fluorescenti compatte a risparmio energetico poiché riducono il consumo di quasi l’80%, ottimizzare l’uso dello stand-by, collegare ad una ciabatta più elettrodomestici in modo da poterli spegnere del tutto se non utilizzati per più ore, non riscaldare più del necessario, installare vetri isolanti.

Il risparmio energetico è una pratica per chi ha a cuore l’ambiente in cui si vive, per chi vuole adeguare i propri comportamenti quotidiani affinché si consumi ed inquini meno. Ecososteniamo il nostro sistema! Per guadagnarci in salute, benessere e… pure lato portafoglio.

(C.V.)

Realizzato nell’ambito del Programma generale di intervento della Regione Emilia Romagna con l’utilizzo dei fondi del Ministero dello sviluppo economico. Ripartizione 2015

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *