Polizze dormienti: riaperti i termini per le domande di rimborso parziale

Polizze dormienti: riaperti i termini per le domande di rimborso parziale

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha riaperto i termini per la presentazione delle domande di rimborso parziale delle polizze “dormienti”, ovvero polizze vita il cui maturato non è stato liquidato, ad esempio per non conoscenza dell’essere beneficiari della polizza stessa.

Le polizze non reclamate restano appunto dormienti nelle casse di banche e compagnie di assicurazione e, dopo 10 anni senza essere state reclamate, vengono trasferite al Fondo Rapporto Dormienti presso la Consap. Trascorsi altri 10 anni, se nessuno reclama il premio, le polizze diventano prescritte e non se ne può più chiedere il riscatto.

Come faccio a sapere se sono beneficiario di una polizza vita?

Vi sono due metodi:

  • rivolgersi al Servizio Ricerca Polizze Vita dell’ANIA, l’Associazione nazionale delle imprese di assicurazione. Oltre a fornire il nome della persona che si ritiene possa essere intestataria della polizza, è bene formulare tante richieste per quanti sono gli ipotetici beneficiari. Ad esempio, nel caso del decesso di un familiare padre di due figli, oltre alla moglie è bene presentare una richiesta di ricerca anche a nome di ciascun figlio;
  • rivolgersi all’intermediario assicurativo (banca o assicurazione) di cui si serviva il familiare chiedendo informazioni sull’esistenza di una polizza a suo nome e i nomi degli eventuali beneficiari.

Come faccio a presentare la domanda di rimborso?

Le domande vanno presentate tramite il Portale Unico Consap, a partire dal 15 giugno e fino al 15 settembre 2020. Il rimborso può arrivare fino ad un massimo del 50% del valore ed è richiedibile per le polizze il cui diritto alla riscossione è maturato dopo il 1 gennaio 2006 e la cui prescrizione sia avvenuta prima del 1 gennaio 2012.

Ti serve assistenza? Scrivici tramite questo modulo di contatto:


Realizzato nell’ambito del Programma generale di intervento della Regione Emilia-Romagna con l’utilizzo dei fondi del Ministero dello sviluppo economico. Ripartizione 2018