Spreco alimentare: piccoli consigli per evitarlo

Spreco alimentare: piccoli consigli per evitarlo

Il tema dello spreco alimentare, che sia di distribuzione (food losses) di ristorazione o filiera (food waste) o anche domestico, è di primaria importanza nel nostro Paese. Vi è una situazione a dir poco allarmante: il 40% dei 4 miliardi di tonnellate di cibo che vengono prodotti ogni anno,vengono “buttati” (se così si vuole dire!) dai paesi ricchi (fonte: www.oneplanetfood.info). Nello specifico, in Italia vengono cestinati 149 kg di cibo annualmente a persona!

Oggigiorno, le campagne di sensibilizzazione a tale argomento sono molteplici. Tante le campagne di comunicazione e/o sensibilizzazione rivolte ai consumatori finali, tante le misure di prevenzione e i progetti concreti per ridurre la quantità di prodotti alimentari che finiscono tra i rifiuti. Si ha però un obiettivo comune: quello di raggiungere una maggiore sostenibilità alimentare attraverso la consapevolezza e l’adozione di buone pratiche lungo tutta la filiera e quindi di modificare il nostro modo di produrre e consumare, nonché di mangiare.

Il tema dello spreco alimentare è inoltre disciplinato dalla Legge 166/2016 del 30/08/2016. Si tratta di un intervento finalizzato a favorire, ai fini di solidarietà sociale, il recupero e la donazione di beni alimentari in favore di soggetti che operano senza scopo di lucro. Sono, inoltre, previsti benefici fiscali per chi cede a titolo gratuito prodotti alimentari ad indigenti.

Gli sprechi alimentari gravano sul clima, sulle risorse idriche, sul suolo e sulle biodiversità, le stesse risorse da cui dipende la sopravvivenza dell’Uomo. Tutto ciò porta ad un impatto ambientale non indifferente: maggior uso di fertilizzanti e altri prodotti chimici, emissione di anidride carbonica e di metano in atmosfera, riduzione delle scorte ittiche, aumento del volume dei rifiuti e crisi idrica. Adiconsum punta molto sui valori di tutela e salvaguardia ambientale e quindi, di conseguenza, tutela del consumatore.

Tutti insieme possiamo contribuire alla risoluzione di questo problema! Come? Ecco alcuni utili consigli: scrivere la lista della spesa e andare a fare la spesa con la pancia piena, evitare di fare una spesa unica per un lungo periodo, comprare dai produttori e soprattutto imparare a cucinare con gli avanzi e gli scarti.

Recuperare il cibo è virtuoso, ma prevenire lo spreco è decisamente meglio!

(C.V.)

Realizzato nell’ambito del Programma generale di intervento della Regione Emilia Romagna con l’utilizzo dei fondi del Ministero dello sviluppo economico. Ripartizione 2015

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *